Il viaggio della notte

Risultati immagini per notte solitudine

Ogni giorno è un viaggio e l’arco delle ventiquattro ore è come l’arco di una vita. Non solo nel senso della metafora che ci accompagna dal mattino alla sera, portandoci all’oblio della notte: piuttosto come un’unica pellicola, lunga un giorno,  con un solo piano sequenza, il quale racconta, senza soluzione di continuità, la storia di quei particolari momenti e di quelle specifiche sensazioni ad essi associate, che sembrano avere un legame indissolubile con determinate posizioni delle lancette dell’orologio. Come alzarsi nel mezzo della notte, alla partenza per le vacanze. Passeggiare in riva al mare la mattina presto, in attesa dell’alba. Fare la colazione al bar, leggendo il giornale. O una gita fuori porta e il fermarsi per pranzare sulla terrazza di una trattoria, con vista sulle colline coperte di vigneti, che si specchiano nel riflesso rubino di un buon calice appoggiato sul tavolo.

Anche solamente una passeggiata pomeridiana lungo le vie del centro, fra le architetture di antichi palazzi, l’austerità di ottocenteschi monumenti e gli ammiccamenti “modaioli” di certe vetrine, può essere vissuta come un gesto particolare e diverso, preceduto da un sentimento di aspettativa, che chiede di essere appagato. In fondo, tutti gesti conformisti, banali, lievi: magari da fare da soli, a confortare noi stessi oppure in compagnia di un amicizia profonda o un amore che ci emoziona. Gesti semplici fatti di niente, di un tempo senza tempo e pieni di tutto.

Tuttavia, è quando comincia a calare il sole, nel momento in cui si ha l’animo colmo del sapore e dell’odore della giornata appena trascorsa, che gli oggetti, le persone e l’atmosfera attorno a noi – più che in ogni altro istante – assumono i connotati indissolubilmente relazionati alla specifica ora vissuta in quel momento. Ovvero, quando il nostro essere si ritrova all’ombra di una luce discreta, inebriato dal profumo del silenzio. Quando si fa quel tempo indefinito, nel quale ci abbandoniamo al flebile bagliore degli astri notturni e inizia la magia di un attesa infinita di un ora fuggente, e con essa, di una notte che ci porti via, col nostro sogno.

Annunci

14 pensieri su “Il viaggio della notte

  1. Che romanticismo dilagante, sui blogs in autunno!
    Io quando arriva la sera mi lamento che in tv non c’è niente, faccio qualche scoreggia sul divano e poi me ne vado a letto.
    Toh… ieri sono andato ,con la pioggia battente, in un borgo antico in riva al lago di Como. E’ stato emozionante anche questo tipo di paesaggio e situazione.

    Liked by 2 people

      1. Beh… visto che ne vuoi parlare…. 😀 …ti dirò: quando mi trovo in quei momenti di… “rilassante trance solitaria e meditativa”, mi si…distende proprio tutto il corpo 😀
        E’ una bella sensazione di pace interiore. Come si può evitare di mettere la ciliegina sulla torta con una bella scoreggia silenziosa che appesta l’aria tutt’attorno? 😀

        Liked by 2 people

    1. Hai colto nel segno; per quanto mi riguarda la cosa può avvenire in positivo o in negativo (purtroppo), ma sempre con toni pacati e riflessivi che mi aiutano a capire o a trovare nuove energie per il nuovo giorno. E’ il mio modo di gestire, interiormente, le difficoltà. Grazie del passaggio, buona giornata.

      Liked by 1 persona

  2. vedo che stai liberando la vena romantica… se ne senti il bisogno fai bene a farlo

    lascia che ti risponda con una metafora che non farai fatica a cogliere.
    “un orologio rotto segna l’ora esatta due volte al giorno”.

    Liked by 2 people

    1. E invece mi sono dovuto documentare… alla veloce due considerazioni. La prima è che tutto si riduce a una questione di punti vista e la seconda che nulla è assoluto. Concetti che sono per me dei riferimenti. Quasi tutti mi hanno detto che sono stato romantico. In realtà potrei dirti che il mio stato d’animo non è quello che appare. Quello che appare è piuttosto ciò a cui mi aggrappo per farmi coraggio. Io sono, in questo momento, l’orologio guasto. Non tutto è da buttare, quindi…

      Liked by 1 persona

  3. la notte può avere diverse facce,,per alcuni può rappresentare un turno lavorativo,per altri un momento di trasgressione/ divertimento…ma per tutti la notte può essere quel distacco benefico dai ritmi del giorno,cioè la quiete che offre possibilità di ritrovar se stessi nel silenzio che contorna pensieri della veglia o sogni strabilianti ( ahimè poche volte anche incubi)

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...