Il Capodanno e le “purille”

capodanno

Come ho già detto, l’anno – quello vero – inizia a settembre. Capodanno è, semmai, per metterla sul piano calcistico, la fine del girone d’andata.

A differenza delle festività, questo è un evento che ho cominciato a somatizzare fin da giovane. Un evento che ha avuto i connotati memorabili solo quando l’ho trascorso con una “purilla“, sia che fosse la nuova fidanzata o che lo stesse per diventare di li a poco.

Il Capodanno senza purilla mi ha sempre reso nervoso perché – non essendo io il tipo da rapporto occasionale e da una botta e via – significava che non avrei trombato per il resto dell’anno, quindi non c’era proprio niente da festeggiare!

Al di la di questo, ciò che non ho mai sopportato del Capodanno è l’obbligo di divertirsi. Oddio, mi è capitato di divertirmi, ma perché ero in buona compagnia e mi sarei divertito anche se fosse stato un anonimo 16 di Marzo.

Insomma, in questo periodo dell’anno si corre il rischio di porsi troppe aspettative. Gli auguri di Natale sono di felicità e serenità, invece questi sono di sfida all’anno che sta per cominciare: non puoi prenderti in giro.

Quindi se la squadra è andata male nella prima parte del campionato, potete – al limite – passare dal 4-4-2 al 3-5-2, ma ricordatevi che non potete cambiare l’allenatore, perchè l’allenatore siete voi.

Annunci

7 pensieri su “Il Capodanno e le “purille”

  1. belli i tuoi auguri! Io ero dall’altra parte della barricata ed ero quindi “purilla” o “pulzella” ma arrivavo al primo dell’anno intonsa ed integra! Ero bellissima, molto appariscente, mi vestivo anche in modo che mi si notasse e sono felice quando i miei ricordi vanno a quei momenti. Si ballavano i lenti nelle festine private che davo io o altri amici/e a rotazione, quante tartine si preparavano al pomeriggio e quanti tramezzini! Con l’immancabile maionese e la fogliolina di prezzemolo. Sai che non mi ricordo nemmeno se il 31 ho mai baciato davvero qualcuno che mi piacesse sul serio?Allora il bello dell’ultimo dell’anno era farsi belle per tutto il giorno, parrucchiera, trucco, abito nuovo, scarpe con il tacco altissimo e acconciatura terrificante, ma eravamo giovani, pulite, belle dentro e belle fuori anche se non c’era la Levissima! Il 31 era un modo per metterci “in vetrina” in modo tale che per il resto dell’anno qualcuna forse, poteva trovare il fidanzato! Ma a darla via, manco a morire: ci dovevano guardare, sognare e desiderare! Ti auguro un frizzantissimo 31 ma soprattutto un anno 2015 pieno di novità proficue sotto tutti i punti di vista? Tu chie bacerai stasera a mezzanotte? Fabiana Schianchi!

    Liked by 1 persona

  2. Anni fa il capodanno mi piaceva perchè lo identificavo con l’inizio di qualcosa di nuovo e positivo e quindi per me era una data da celebrare come momento di speranza per l’anno a venire; quel senso di “doversi divertire” era presente anche in passato ma meno di adesso, forse perchè c’erano meno mezzi, forse perchè si era più giovani… fatto sta che era meno fastidioso.
    Comunque già allora imparai che non vale la regola del “se non trombi a capodanno non lo fai per il resto dell’anno” perchè non mi è mai capitato di cuccare quella sera lì ma magari durante l’anno qualcosa succedeva… oppure al contrario di avere un fidanzato che nei mesi seguenti prendeva il volo.
    E quindi buon anno per tutto l’anno e questa serata vada come può, che altro dobbiamo dire?

    Liked by 1 persona

  3. Oooooooooooooooh! Finalmente ,tra tanti blog zeppi di consueti auguri e immagini gioiose, ecco un post bello cinico e coi piedi per terra, proprio come piacciono a me!
    Non capisco cosa ci sia di tanto bello nel veder finire nel cesso un altro anno della nostra vita, vedere che siamo invecchiati di un altro anno, con la speranza (o ansia) che il prossimo sia… almeno non peggio del precedente.
    Che poi ,come dici tu, non vedo perchè mai la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio debba far cambiare qualche cosa: l’1 gennaio siamo i soliti animali bipedi che cazzeggiano su questo pianeta. Probabilmente i giorni di ferie (per chi li ha presi) fanno sentire questo periodo come un po’ speciale e magico.

    Da adolescente non cuccavo mai. Però che ciucche! E che fumate! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...