La vispa Teresa

ghostbusters

La prima volta che la vidi volteggiare leggera, in casa di Teo, rimasi a bocca aperta e provai un brivido freddo lungo la schiena.

Impietrito, l’osservavo, muto, mentre lei mi scivolava accanto, veloce e silenziosa, senza degnarmi di considerazione, finché, a causa della mia immobilità, attirai l’attenzione del mio amico.

Ricordo che riuscii appena ad alzare un braccio tremolante nella direzione verso la quale la donna era andata e che gli farfugliai poche parole prive di senso:

“Ba, biii, ba, ma… faaa?”

Teo mi guardava, stupito per il mio impaccio: possibile, che non l’avesse vista anche lui?

“Non ti preoccupare, calmati, è Teresa, mi sono dimenticato di avvertirti.”

Le sue parole ebbero l’effetto di sbloccarmi, finalmente riuscii a pronunciare una frase che avesse un qualche significato:

“Ma, ma… ma è un fan.., fan…, fantasma!”

“Beh, sì, in effetti dovrebbe essere qualcosa del genere…”  Rispose lui serafico.

“E… e questo, ti pare normale?” Feci io, ancora agitato.

“In un certo senso sì!”

Non riuscivo a capirci niente, avevo appena visto un fantasma girare in casa di Teo e lui non sembrava neanche stupito.

“Lascia che ti spieghi”, continuò, “La prima volta che l’ho vista è stato subito dopo aver comprato la casa ed allora anche io ho avuto la tua stessa reazione.”

In quel momento Teresa passò da una stanza all’altra con in mano uno spolverino, provai nuovamente un brivido freddo.

“Ma… ma tu vivi con un fantasma in casa?”

“Mi pare evidente.”

“E la cosa ti sembra normale?”

“Beh, ammetto che non capita a tutti.”

“Ma come fai ad essere così tranquillo, quella lì è…. è… è morta da chissà quanto tempo e gira indisturbata per casa tua!”

“Esattamente da 25 anni e 2 mesi…”

“Cribbio! Ma potrebbe essere pericolosa…”

“Ma no, solo se non ha niente da fare.”

“Come sarebbe a dire, solo se non ha niente da fare? Potrebbe ucciderti!”

“Esagerato! Non è così pericolosa; all’inizio ho avuto anch’io paura e ho pensato le stesse cose che stai pensando tu, vedendola girare vorticosamente da una stanza all’altra e sobbalzando ogni volta che faceva cadere gli oggetti e sbatteva le porte, ma poi…”

“Ma poi?”

“Poi un giorno mi ha fatto cadere dei libri e mi è venuto d’istinto di urlarle di raccoglierli e rimetterli a posto.”

“ E lei?”

“Lei l’ha fatto.”

“E allora?”

“Allora ho provato a dirle di aprire la finestra e lei ha fatto anche quello.”

“Ho provato a darle altri ordini e lei li ha eseguiti tutti.”

“Non ci credo.”

“Dico davvero,  fa qualunque cosa gli ordino: pulisce, lava, stira, cucina riordina, innaffia le piante, spolvera; insomma, tiene in ordine la casa e non riesce a smettere di farlo.”

In quel momento vidi passare Teresa, con un ferro da stiro in mano.

“L’unica cosa di cui mi devo preoccupare è di darle qualcosa da fare, altrimenti si agita.”

“Ma perché è così?”

“Pare che prima di morire avesse vissuto in questa casa come donna tutto fare e sia morta nel pieno delle pulizie di primavera, prima di riuscire a finire il compito assegnatole. Non riesce ad avere pace e non può lasciare la casa perché deve prima finire il suo lavoro.”

“E tu ne stai approfittando…”

“Che parola grossa! Sto solo cercando di aiutarla a trovare la sua serenità, le faccio rifare i letti, le faccio pulire il bagno, lavare i pavimenti, lucidare le maniglie, pulire le vetrine; che vuoi che ti dica, in una casa c’è sempre qualcosa da fare!”

“Ma così andrà avanti per sempre.”

“Eeeh, purtroppo penso proprio di sì.”

◊   ◊   ◊   ◊   ◊

Pochi mesi fa, ho pagato a Teo il doppio del prezzo di quanto aveva pagato la casa: adesso vivo con Teresa, la mia abitazione non è mai stata così ordinata e le mie camicie hanno una stiratura perfetta.

Le agenzie mi chiamano in continuazione, facendo offerte incredibili, ma sorrido fra me e me e penso che non accetterò mai di vendere la casa.

Teresa è di là che sta cucinando, sento il profumo del sugo e il rumore dei piatti; poso il giornale che stavo leggendo e mi avvio verso la cucina, devo essere puntuale a tavola, altrimenti “lei” potrebbe arrabbiarsi…

By Pepelion

Annunci

2 pensieri su “La vispa Teresa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...